Ricevimento Camera superior Camera doppia Camera tripla

PRENOTA UN HOTEL A NAPOLI

DESTINAZIONE
CHECK-IN
CHECK-OUT
PERSONE PER STANZA
Adulti + Bambini
n/a
PROMO CODE
Modifica prenotazione | Login agenti
napoli hotel best price

Hotel Europeo e Flowers: Siti turistici

Napoli sotterranea
Rappresenta uno dei luoghi più affascinanti e ricchi di mistero del mondo. Nel ventre della città ci sono passaggi segreti, cisterne, catacombe, acquedotti, per una superficie complessiva che supera i 600.000 metri quadrati. Tutte le cavità risalgono a tempi molto antichi e sono state realizzate dall’ uomo per l’estrazione del "tufo giallo napoletano". Poi i cunicoli diventarono catacombe, antri pagani o acquedotti. Durante l’ultima guerra mondiale Napoli sotterranea diventò rifugio antiaereo.  Mentre nel corso dei secoli in profondità aumentavano i metri cubi di vuoto, in superficie si sviluppava una città in "positivo", con i suoi palazzi e i suoi castelli. Napoli è stata quindi costruita con la stessa pietra del suo sottosuolo, con una "continuità geologica" forse unica al mondo. Questa pratica secondo alcuni avrebbe reso la città più "elastica" salvandola dai tanti terremoti perché l’onda sismica risulterebbe attenuata grazie alle cavità del sottosuolo.

Scavi di S. Lorenzo Maggiore
Sono visibili vari livelli archeologici: i resti della basilica paleocristiana, un edificio di origine normanna, una struttura del IV secolo a.C., riconosciuta come il macellum che aveva l'ingresso sulla plateia di via Tribunali. Alcune parti del complesso sono visibili nel chiostro della chiesa di San Lorenzo Maggiore. Si suppone che alla fine del V secolo d.C. il tutto fu invaso da un alluvione che portò una colata di fango.

Gli antichi acquedotti

Dai locali sotto San Paolo e Sant'Anna di Palazzo è possibile visitare una zona della "città sotterranea" che si estende fin sotto San Gregorio Armeno. Una delle più importanti opere realizzate in età romana da Augusto fu l'acquedotto, lungo più di 170 km. Da un bacino artificiale alimentato dal Serino l’acqua giungeva a Napoli e terminava a Miseno alla Piscina Mirabilis. L'acquedotto correva in parte in galleria, in parte all'aperto su arcate in laterizio, delle quali resta traccia nei cosiddetti Ponti Rossi. In città, il sistema di distribuzione era tutto sotterraneo.

pagina  <  3  di  3 

Hotel Europeo e Flowers

Via Mezzocannone 109/c, 80134 Napoli - Italia
Tel. +39 081 5517254
Fax +39 081 5522212
info@hoteleuropeonapoli.com