I teatri di Napoli: Teatro San Carlo

Napoli : città di teatri

Napoli, patria di Pulcinella, Scarpetta, De Filippo e Troisi, non poteva non essere la città del teatro. Sono ben 32 le strutture teatrali operanti attualmente sul territorio partenopeo. Nessun’altra città può vantare un cosi alto numero di teatri.

Certo 32 sono tanti, ma se fossero teatri normali la notizia non sarebbe tanto esaltante. Andiamo visitare alcuni di questi gioielli che fanno di Napoli la città con più teatri in Italia.

Teatro San Ferdinando a Napoli

«Nel teatro si vive sul serio quello che gli altri recitano della vita» – Eduardo De Filippo

  • Teatro San Carlo – Via San Carlo 98/F –  Il “principe” dei teatri napoletani, teatro d’opera e balletto più antico del mondo ancora esistente a due passi da Piazza Plebiscito ; fu costruito nel 1737 per volontà di Carlo di Borbone, del quale prende il nome. Sicuramente merita una visita sia per ammirarne l’architettura esterna sia per godere delle belle decorazioni interne. Costruito nel 1737 su richiesta di Carlo di Borbone, il teatro fu inaugurato nel giorno dell’onomastico del re: il 4 novembre.
  • Teatro Bellini – Via Conte di Ruvo (Piazza Dante) -« ‘O San Carlo p’ ‘a grandezza, ‘o Bellini p’ ‘a bellezza » recita un detto napoletano, e non gli si può dare torto.  Fu inaugurato il 13 novembre del 1864 e in una fase iniziale ospitò in prevalenza spettacoli circensi. Oggi il Bellini ospita uno dei calendari teatrali più ricchi della città.
  • Teatro Mercante – Piazza Municipio, 1 – inaugurato nel 1778, è stato il teatro dove Eduardo Scarpetta ha interpretato la maggior parte delle sue opere trovando il favore del pubblico ad ogni stagione.

Teatro Mercadante

  • Teatro San Ferdinando – Piazza Eduardo de Filippo 20 – Costruito alla fine del 1700 il teatro è legato al più grande rappresentate del teatro napoletano: Eduardo De Filippo. Come il Mercadante anche il San Ferdinando è gestito dal Teatro Stabile di Napoli.
  • Teatro Agusteo – Piazzetta Augusteo – è  tra i più giovani teatri di Napoli, ultimato nel 1929, e vanta un’acustica estremamente curata. Qui si sono esibiti gli artisti più amati dal pubblico partenopeo e nazionale: da Pino Daniele a Biagio Izzo, passando per Carlo Buccirosso e Leo Gullotta per arrivare fino a Alessandro Siani.

Dove dormire a Napoli